Domenica 3 novembre 2019 – XXXI domenica del Tempo Ordinario

Il manipolatore non ama nemmeno la propria libertà, alla quale rinuncia per diventare schiavo del suo insaziabile potere, quello di decidere il Destino degli altri uomini. Si sente Dio e vuole il suo posto. Desiderio che non si realizzerà mai e che, comunque, non è adatto alla sua natura di uomo.