Mercoledì 20 dicembre 2017

Lo stare insieme, essere amici, oppure essere marito e moglie, oppure genitori e figli, o nonni e nipoti, qualsiasi modalità di stare insieme, in una scuola, al lavoro, riposando o divertendosi; se lo stare insieme, può essere vissuto dando spazio allo Spirito Santo che ci parla sempre di passioni e intuizioni nuove che ci fanno amare di più la vita. Solo così lo stare insieme agli altri non è una dimensione che gestisco e manipolo io con i miei progetti, per cui so già come andrà a finire, e così prendo il posto dello Spirito Santo, senza nessuna disponibilità ad ascoltare ed a cambiare vita. Quando vogliamo ostentare una sicurezza arrogante e irremovibile, sentendoci sempre più bravi e giusti degli altri, inganniamo noi stessi. Il vero amore a se stessi non è da confondere con la presunzione, ma è sentirsi creature amate da Dio e bisognose del suo perdono. Solo in quest’attesa di Cristo ci prepariamo alla grande novità del Natale, la Sua venuta tra noi nel mondo per salvarci dal peccato.